CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Forum di discussione su diari di viaggio e report realizzati dagli utenti di motoadv.org

CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gemica » 08/01/2019, 11:36

Non era mai successo in 10 anni che spedisco container e non solo a me ma anche ad operatori esperti come Mototouring o Sambor che nella stessa maledetta nave San Clemente hanno stivato almeno 3 container per portare le nostre amate moto in sudamerica ed invece per distinte cause la nave ha avuto un ritardo di 45 giorni per cui il viaggio programmato da mesi si va a far benedire :badmood: :badmood:
In questi casi non resta che salvare il salvabile…in fondo si è in un continente meraviglioso come il sudamerica…certo il pensiero di non poter fare il viaggio con la propria moto logora e fa arrabbiare ma si è pur in vacanza
Le alternative sono veramente poche :shock:
1) noleggiare una moto a dei costi improponibili, tanto per fare un esempio per una africa twin crf o un gs 800 ci vogliono 200 dollari al giorno ed una garanzia su carta di credito di 5000 dollari quindi si capisce che non è una alternativa valida perché per 25-30 giorni esce una cifra improponibile ed ecco il motivo perché si spedisce la moto in sudamerica….
2) noleggiare un 4x4 e fare più o meno lo stesso percorso che si aveva in mente, in questo caso il noleggio costa circa 100 dollari al giorno ma chiaramente va poi suddiviso per gli occupanti che possono essere fino a 5 da considerare pero che non poi entrare in Bolivia
3) prendere un volo ed andare a visitare i luoghi chiave visto chi i voli interni costano mediamente non più di 200 dollari a parte il discorso isola di pasqua che in alta stagione come ora ci vogliono non meno di 800 dollari
Tutti hanno optato per il secondo dei casi a parte 2 motociclisti del gruppo che saranno in sudamerica 3 mesi quindi loro ritireranno le moto anche se in ritardo

Personalmente avendo maturato tante amicizie dopo anni di Valparaiso il mio amico Alberto di origine italiane mi presterà la sua moto una KLR650 ed io oltre che ringraziarlo non posso che almeno sostituirne i pneumatici e fargli un cambio olio.

27 dicembre 2018
Alberto mi fa trovare la moto nel suo garage a Vina del Mar :;)): ed io dedico tutto il giorno per la sostituzione dei pneumatici, del cambio olio ed il giro di alcuni negozi specializzati per fare scorta di camere d aria e tutte le cose per improvvisare un viaggio comunque di almeno 4000 km
Quando ti manca di tutto capisci che le cose più banali comunque richiedono tempo per trovarle ed anche se siamo nella modernissima Cile non sempre è cosi scontato reperire ciò che ti occorre.
Altra cosa da fare obbligatoriamente a Valparaiso è il cambio valuta in quanto in città ci sono svariate case di cambio e nel resto del paese è più difficile tale operazione soprattutto nei centri minori e nelle banche stranamente non si effettua il cambio valuta se non si è cliente, è pur vero che ormai il pagamento con le carte di credito in Cile è estremamente diffuso ma è sempre buona norma portare del contante nella valuta locale.
28 Dicembre 2018
partenza da Valparaiso dopo aver caricato alla meglio i nostri bagagli direzione nord
Con i giorni che abbiamo a disposizione visto il mio anticipato rientro opto per fare il nord del cile che anche se lo conosco benissimo offre sempre scenari suggestivi inoltre al sud per arrivare nella parte interessante bisogna andare almeno a Puerto Mont e traghettare per Chaitén ma sono troppo pochi giorni per troppi chilometr
Altro aspetto che mi fa preferire il nord è il clima….amo il caldo e verso sud le probabilità di trovare giornate uggiose anzi temporalesche è sicuramente superiore al nord e lo conferma che in 10 giorni non ho mai indossato l’antipioggia. :) :)
La mattinata è comunque andata persa avendo dovuto curare alcuni documenti notarili per il ritardo del container quindi mi immetto sulla ruta 5 norte e dopo circa 450 km mi fermo per notte a La Serena
Sosta doverosa per degustare i dolci classici della Liga chiamati così per l anonima città di provenienza
La scelta di questa città molto carina in riva al mare è dovuta al fatto che ci sono molti concessionari di moto dove poter trovare le leve smontagomme che non sono riuscito a trovare in Valparaiso
Non posso nei giorni a seguire quando sarò nel nulla avventurarmi senza le leve smontagomme
Inizio dal negozio KTM che in questa città è veramente enorme ma sono chiusi per inventario…cavoli siamo al 28 mica al 31
Anche qui la ricerca risulta essere vana se non in ultimo negozio dove ormai avevo perso la fiducia nel trovarle un gentile signore mi dice che lui ha una officina di moto e che a La Serena è impossibile adesso trovare qualsiasi pezzo di ricambio perché si è da poco ultimata la sei giorni ed i team hanno fatto man bassa di ogni cosa.
Mi invita alla sua officina e mi dice che se voglio mi può vendere due leve delle sue al prezzo di 5000 pesos cadauno…l equivalente di 7 euro e non posso che ringraziarlo
Mentre ero nel suo negozio ecco arrivare il presidente del moto club viaggiatori in moto di Coimbo di nome Italo e di chiare origini italiane che mi vita a bere una birra prima di rimettermi in viaggio
L accoglienza dei moteros sudamericani è sempre straordinaria e quando poi scoprono che hanno davanti un Italiano si fanno in mille per ascoltarti ed aiutarti
Parto quindi che è gia il primo pomeriggio e la mia prossima tappa non può essere che Copiapo
Questa prima parte del viaggio è abbastanza noiosa primo perché sono strade che ho percorso almeno 10 volte meglio ultimi 10 anni poi perché parliamo di autostrada anche se divide il già deserto della regione di atacama
Arrivati a copiapo mi fermo nella solita mia catena di Hotel preferita in cile che è la Diego de Almagro
I chilometri percorsi oggi sono sempre poco più di 400 ma il vento forte e alternarsi di zone con curve rallentano molto la velocità di crociera
Devo dire che la città l ho ritrovata molto più sporca e soprattutto con un ambiente non più estremamente tranquillo come in passato e il cameriere dell ottimo ristorante dove abbiamo degustato una parrillada notevole dice che ciò è dovuto alla ormai incontrollata immigrazione di boliviani e soprattutto colombiani che hanno portato spaccio di droga e malavita in genere……ogni mondo è paese,,,, :facepalm:
29 Dicembre 2018
Ripartiamo non prestissimo la mattina e questo è male perché adesso inizia la caluria del deserto di atacama con direzione Antofagasta
La strada per la prima parte noiosa poi vira verso la costa quindi il paesaggio cambia notevolmente
Si attraversa lo zoo di pietra, uno spettacolo che madre natura ci ha lasciato con delle enormi pietre che con la dovuta immaginazione molte di loro assomigliano ad animali come l elefante il leone ecc….
Quindi arrivati a Canaral decido di lasciare la 5 e proseguire verso nord per il fantastico sito balneare Pan de Azucr anche perché questa strada è sterrata per almeno 80 km, ci fermiamo quindi nel centro del parco che gode di una posizione privilegiata sulla oceano pacifico
Ripartendo riprendiamo la 5 ed al primo ed unico distributore di benzina della zona l addetto alla pompa (il caso di dirlo) mi dice che ha terminato la benzina
Non resta che tornare indietro alla più vicina città di TALTAL che dista 80 km in quanto per proseguire verso Antofagasta mancano ancora 240 km e non ho autonomia sufficiente.
Dopo vari smadonnamenti mi fermo nella vicina locanda per un the e per rivedere il mio adesivo che avevo attaccato lo scorso anno….domando al gestore se ha un po di benzina da vendermi ma nulla e nel mentre un autotrasportatore che era fermo per pranzo mi dice che è il mio giorno fortunato in quanto lui ha una latta da 10 litri da vendermi perché li porta sempre con se per non so quale apparato ha sul camion…
Che dire….le brave personel e trovi ovunque come i figli di madri prostitute e dopo avergli pagato la benzina gli offro anche il pranzo anche se il tipo si è sentito a disagio ma per me ha fatto un gesto che mi ha risparmiato parte del viaggio in quanto aver dovuto tornare indietro mi sarebbe significato non poter poi arrivare ad antofagasta di giorno quindi ero costretto a fare notte a Taltal
Arriviamo quindi nella sempre spettacolare discesa che porta alla caotica città di Antofagasta un tempo Bolivia prima della guerra del pacifico
Troviamo alloggio nel nostro Diego de Almagro e quindi decidiamo di fermarci due notti per gustarci la città e trovare un buon ripiego per lo notte di capodanno
30 dicembre 2018
Dedichiamo la giornata un po allo shopping ed un po alla visita dei vicini paesini sul mare molto folcloristici ed accoglienti ed alla foto di rito alla mano nel deserto, :fififi: una attrazione turistica ma che per quanto mi riguarda è una cosa veramente di basso livello,,,,una grezza opera in calcestruzzo imitando una mano che esce dalle viscere della terra ….come direbbe il Rag. Fantozzi…una emerita stronzata…
31 dicembre 2018
Dopo aver fatto mille telefonate per il cenone di capodanno a cui abbiamo avuto sempre la risposta negativa decidiamo di andare direttamente in qualche locale per prenotare
Troviamo la disponibilità in un ristorante peruviano e la scelta è anche dovuta al fatto che il ristorante si trova in riva all oceano e so che tutte le città cilene dedicano spettacolari fuochi di artificio al nuovo anno
Devo dire che la delusione sia per la qualità del cibo e sia soprattutto dei fuochi di artificio è stata grande :facepalm: :facepalm:
Dopo aver visto negli anni scorsi i fuochi di Valparaiso che credo siano stati i più spettacolari della mia vita e dove di riversano centinaia di migliaia di persone da tutto il cile questi di Antofagasta sono stati veramente una delusione
01 gennaio 2019
Partiamo in direzione San Pedro di Atacama e dopo la foto di rito nel cartello che indica che stiamo attraversando il Tropico del Capricorno :bye: ci dirigiamo verso la poderosa città di calama dove ci fermiamo a fare benzina
La città famosa soprattutto per la più grande miniera di rame del mondo che ebbi modo di visitare anni or sono è anche conosciuta per la città delle 3P Polvo Perros Putas……Polvere Cani e Puttane,,,,,,essendo una città esclusivamente mineraria ed in mezzo al nulla i salari sono alti e una numerose colonia di venditrici d amore sollazzano i numerosi braccianti
Lasciamo Calama per percorrere i 100 km che dista san pedro di atacama e la strada è migliorata molto negli ultimi anni
Arrivati a San Pedro troviamo sistemazione in un piccolo hotel dal prezzo grande….il paesino snob ormai è diventato più caro di montecarlo ed onestamente questo approfittare del turista è molto fastidioso
Per dormire non si riesce a spendere meno di 100 dollari per sistemazioni che da noi sarebbero degli ostelli, la media per un buon hotel è di almeno 200 dollari e per il mangiare in un buon ristorante si spendono tranquillamente 50 dollari
Insomma il paesino è un incanto con le strade volutamente lasciate di terra e l aria da far west ma quello che da fastidio è quest aria snob che si è formata….questa presenza di quelli che potrebbero essere definiti figli dei fiori ma non sono altro che figli di papa (la mamma non la menziono perché capirete di che mamma si tratta) che fanno i poveri vivendo da ricchi (scusate questa mia esternazione…)
Comunque a San Pedro devi fare almeno 4 notti in un viaggio con tempo e le mie limitate a due sono dovute sia alla scarsità dei giorni a disposizione sia perché comunque tutte le attrazioni dai geyser alla valle della luna alla valle de la muerte ed alla visita del salar sono cose già viste
Iniziamo il nostro giro con a alla valle de la muerte
La strada sterrate entra in un canyon tortuoso e la presenza di un manto sottile consiglia una guida attenta onde evitare inutili cadute :mrgreen:
Oltretutto la moto ha le sospensioni finite e la gia poca attitudine furistradistica con queste sospensioni rende la moto inguidabile su terreni difficili
Dopo un lungo serpente di strada nel canyon raggiungiamo una immensa duna di sabbia dove ci sono molti ragazzi che praticano il surf su sabbia e vederli scendere avelocita molto elevata è veramente spettacolare
Usciamo dal parco chiaramente a pagamento…circa 6000 pesos a persona l equivalente di 10 euro e torniamo al nostro albergo per la sera
Qui saremo raggiunti dal gruppo di amici Italiani che hanno preso il 4x4 a noleggio e ci dicono che nell attraversare il passo Jama per lasciare l Argentina ed entrare in Cile si sono imbattuti in una tormenta di neve ed a 4500 metri di altitudine non è il massimo :badmood:
02 gennaio 2019
restando il giorno a san Pedro opto per andare verso il confine boliviano di paso Hito dove dopo pochi chilometri cè la fantastica laguna verde
Negli anni scorsi arrivati alla frontiera boliviana con una piccola mancia ti concedevano di entrare nella laguna per fare una foto e tornare senza fare tutta la procedura dell immigrazione, adesso questo non è più possibile in quanto sulla stessa ruta che conduce a paso Jama le autorità cilene hanno fatto un sito di frontiera dove prima le stesse operazioni di immigrazione e dogana venivano svolte direttamente a San Pedro
Probabilmente il folto traffico di stupefacenti proveniente dalla Bolivia ha fatto si che venisse creata questa frontiera
Non ci resta quindi che tornare indietro anche se gustiamo che in appena 35 km si passa da 2500 a 4600 metri e òa flora e la fauna cambiano totalmente aspetto passando dal secco ed arido salar al clima gelido con fauna e flora andina
Per la strada incrociamo vari tipi di vicuna ….una specie di lama e la vista sul salar da questa altitudine è veramente mozzafiato
Scesi nuovamente a San Pedro facciamo l errore di entrare nella estesa riserva della valle de la Luna per le 12 quando il calore è insopportabile pero abbiamo solo questo giorno a disposizione per San Pedro e dobbiamo approfittare di ogni secondo.
Alla prima nota per effettuare la visita nella grotta del sale il calore e la temperatura della sabbia fanno si che addirittura si scolla la suola dello stivale :shock:
Torno indietro per effettuare una riparazione di emergenza con il provvidenziale nastro americano e torniamo per entrare nella grotta
Dopo un primo tratto dove bisogna camminare in maniera obliqua entriamo direttamente nella grotta ma la poca batteria che abbiamo sui telefonini per la lampadina ci fanno desistere a meta percorso, ….avevo dimenticato che bisognava portarsi una torcia e quella che porto sempre dietro con me l avevo lasciata nella valigia in albergo
Torniamo ormai a sera in hotel stanchi ma soddisfatti per le cose viste quindi dopo una doccia rigeneratrice vi facciamo un giro a piedi per le caratteristiche viuzze sterrate e polverose
03 gennaio 2019
lasciamo san pedro e dopo aver fatto benzina nell unico distributore del paese decido di circumnavigare il salar da sud per tornare verso Baquedano quindi Antofagasta
I kilomentri senza nulla sono circa 320 quindi nel villaggio di peine che dista circa 80 km da San Pedro ci fermiamo per acquistare 5 litri di benzina in latta ma la paura di commettere qualche errore nella pista e viaggiare con la benzina giusta mi fa decidere nell acquistare una latta da 5 litri da portarsi come riserva.
La prima considerazione che si deve fare quando si viaggia in sudamenrica è avere una automi di almeno 400-500 chilometri anche se si percorrono strade o piste battute
Questo perché in primis può accadere come è accaduto anche in questo viaggio che arrivi ad un distributore dopo 200 km e ti dicono che non cè benzina e poi se sbagli una pista e percorri 30-40 chilometri che per tornare si raddoppiamo ti sei giocato tutta l autonomia
Se la moto non dispone di un serbatoio adeguato bisogna provvedere con una provvidenziale latta di scorta di almeno 10 litri
Lasciato Peine, incredibile villaggio di qualche centinaio di abitanti che comunque ha i suoi negoziati dove acquistare del cibo e cose varie entriamo nel cuore del salar
Il salar di Atacama è uno dei maggiori del sudamerica, certo non ha l estensione di uyuni ma comunque ha una lunghezza di circa 200 per 150 km di larghezza di sale e litio……il paesaggio è veramente lunare e fermarsi nel mezzo del salar crea inquietudine di fronte a tanta natura cosi aspra ed il rumore del sale che si spacca rilasciando lumidita della notte assomiglia a quello del popcorn…..
Ci fermiamo poi in prossimità di una miniera di sale e litio….il metodo per l estrazione è molto semplice…si creano dei fori nel sottosuolo dove si trova acqua chiaramente ad altissima concentrazione salina poi con degli enormi tubi e delle pompe l acqua viene fatta depositare in immense vasche a cielo aperto quindi una volta evaporata ed a queste temperature evapora in fretta, viene raccolto il prezioso minerale
Certo il Cile deve molto alla natura inc tanto è uno dei paesi più ricchi al mondo di minerali e quasi tutti molto pregiati
Finalmente dopo aver percorso altri 250 km nel nulla lasciato Peine e dove abbiamo incrociato solo camion che trasportano i preziosi minerali al porto di Mequillones sulla strada non di asfalto ma di sale, raggiungiamo Baquedano sulla transitata ruta 5 e da li altri 70 km e siamo di nuovo ad Antofagasta
Degne di nota sono queste strade sterrate e òp sfruttamento del sale è molto intelligente
Praticamente si sparge la carreggiata di uno strato di almeno 10 km di sale quindi passano con la macchina livellatrice ed il rullo, con l erudita della notte il sale assorbe acqua che per tutto il girono riesce ancora a trattenere ed il passaggio dei mezzi compattano ancora di più il manto quasi da renderlo come se fosse asfalto
Certo immagino che i veicoli devono essere costantemente gravitati se non si vuole correre il rischio di formare un ammasso di ruggine ma la soluzione è geniale ed economica
Sicuramente in caso di pioggia il manto stradale deve essere come un sapone ma Atacama è il deserto più arido al mondo e le piogge arrivano in media una volta ogni OTTO anni…si avete letto bene…..una volta ogni OTTO anni
04 gennaio 2018
Lasciamo di buon mattino Antofagasta ma per scendere di nuovo verso sud decido di fare un percorso assolutamente alternativo ed andare ad innestarsi con la ruta 1 che costeggia l oceano
Detta cosi, la ruta 1 sembrerebbe la nostra principale arteria come l aurelia ma cosi non è :shock:
La ruta 1 inizia nella dimenticata calata de los cobre che si raggiunge dopo aver lasciato la 5 in prossimità della mano nel deserto scendendo per la 45…..parliamo di una strada tutta sterrata per 250 sempre nel mezzo del nulla
Anche in questo caso decido di portarmi i provvidenziali 5 litri di benzina di scorta anche perché non ho il gps e le sterrate sono in molti bivi privi di segnaletica
La sterrata che scende verso l oceano alla calata de los cobre è molto bella ma anche molto pericolosa perché in molti tratti il ciglio strada termina in strapiombi inquietanti e dopo aver percorso 54 km in queste condizioni ecco da lontano scorgere la mitica ruta 1
Abbiamo ancora 190 km di nulla prima di raggiungere il viaggio di poche decine di abitanti che si chiama Paposo e da dove inizierà di nuovo l asfalto
Quasi 200 km di pura goduria dove incontriamo una sola macchina che chiaramente ci ferma per domandarci se abbiamo bisogno di aiuto
L oceano visto da questi saliscendi è immensamente affascinante, la forza delle onde che si infrangono sulle enormi rocce neve con le vette sbiancate dal letame degli uccelli migratori di ogni genere….cormorani…pellicani…gabbiani…
Ci fermiamo per almeno tre volte per immortalare questo spettacolo della natura ed una volta raggiunto Paposo ci spiace quasi di dover lasciare questo paradiso
A paposo ci sentiamo un po a casa nel vedere una indicazione stradale che segnala una centrale dell ENEL e dopo 50 chilometri e raggiungiamo la turistica cittadina balneare di TalTal dove effettuiamo il solito rifornimento fine serbatoio
Qui decidiamo di fare la strada secondaria che passa per baia Finchuio per riconnettersi alla ruta 5 e devo dire che è stata una saggia scelta in quanto anche questa destra baia ha il suo notevole fascino
Ripresa la ruta 5 scendendo verso sud rimbocchiamo la sterrata che avevamo fatta all andata per la baia del pan de azucar ma questa volta lo facciamo per fermarsi a dormire nella splendida semideserta località
Ci aspetta infatti una tenda da camping a noleggio completa di tutta l attrezzatura necessaria come sacco a pelo e materassino che ci vengono forniti nuovi
Dopo aver degustato un ottima cena nellunico piccolo ristorante sul mare che si trova a circa 600 metri torniamo al camping ma prima di dormire ci gustiamo in riva al mare con l assenza totale di ogni forma di luce del meraviglioso cielo stellato
E’ il caso di dire che la visione è celestiale…….la via lattea che si riconosce benissimo e lo splendore delle stelle che quasi accecano di tanto brillare e poi sullo sfondo il rumore del frangersi delle onde sulle rocce rende lo spettacolo ancora più magico.
Andiamo a dormire e l escursione termica del giorno torrido del deserto con la quasi gelida notte raccomanda di far buon uso dei provvidenziali sacchi a pelo
05 gennaio 2018
ci si sveglia all alba con il chiarore che entra nella tenda e ritorniamo al piccolo villaggio di pescatori per andare all appuntamento con il pescare che la sera prima abbiamo preso accordi per farci visitare l isolotto antistante per ammirare gli inconsueti pinguini a questa latitudine
Il fenomeno è molto strano e trova la sua giustificazione per la gelida corrente oceanica di Jhumbol che lambisce l isolotto ed arriva con le sue gelide acque fino al sud
del peru partendo dall Antartide
L aqua sull’isolotto non sale mai a più di 5 gradi mentre sulla riva del pan di azucar arriva almeno a 12 di qui la ragione che i pinguini non raggiungono mai la terraferma
Arrivati in prossimità dell isolotto si scorge da lontano la violenza delle onde che si infrangono al di la e questo fa rende piccolo difronte a tanta potenza ed ecco finalmente i primi esemplari di pinguini…..meravigliosa natura
Certo non sono i pinguini Imperador dell antardide che raggiungono il metro di altezza ma sono sempre affascinanti e simpatici e vederli saltellare tra le rocce fa sorridere
Molti studi sono stati effettuati su questi animali che raggiungono al massimo 60 cm possono scendere al massimo a 60 metri sottacque per procurarsi cibo e possono stare in apnea per un tempo massimo di 3 minuti e mezzo inoltre per concludere sono monogami,,,,,,quindi una razza a me sconosciuta
Dopo la bellissima visone dei pinguini scorgiamo anche sul lembo estremo est dell’isola una numerosa comunità di lupi marini ,,,,,meravigliosi anche questi e tutte le pur affascinanti colonie di cormorani e volatili vari passano in second’ordine di fronte ai pinguini ed ai lupi marini
La cosa che rende ancora più surreale la situazione è pensare che dalla parte continentale c’è il più arido deserto della terra ed a poche centinaia di metri vive una comunità di pinguini…..incredibile davvero
Ritorniamo a riva e dopo aver salutato il pescatore Miguel che ci ha fatto fare questa splendida visita troviamo altri pescatori che tornando a riva con il loro carico di pesci attendono un furgone frigo per la vendita
Insomma fermarsi in questo angolo di paradiso è stato davvero molto bello ed unico e dopo una abbondante colazione torniamo ancora per strada visto che abbiamo da percorrere altri 450 km per portarci nuovamente a La Serena dove trascorreremo la notte
Ormai il mini tour per il nord del cile sta volgendo al termine….riprendiamo la noiosa ruta 5 verso SUR rf in serata raggiungiamo la nota cittadina famosa per la sua innumerevole presenza di Chiese Cristiane.
La sera ceniamo in un bel ristorante sulla costa e devo dire che abbiamo mangiato dell ottimo pesce ad iniziare dal famoso ceviche che si trova praticamente in tutta la parte pacifica del sudamerica
Anche il conto è stato all altezza del cibo con i suoi 50 dollari a testa
06 gemmato 2018
Ricaricata la moto di buon mattino entra la tristezza nel sapere che a sera dobbiamo lasciare la moto ad Alberto perché all indomani abbiamo il volo di ritorno
Invece di percorrere la noiosa ruta 5 fino a Los Vilos decido di passare per la cittadina di Ollague famosa per le sue coltivazioni di frutta e verdura in quanto incastonata su una valle fertilissima e dallato si nota il contrasto tra la desertica regione confinante con il verde delle piantagioni
Arriviamo quindi a Los Vilos dopo circa 200 km e facendo nuovamente benzina decido nuovamente di lasciare la ruta 5 per percorrere la panoramica anche se molto lenta e transitata nazionale costiera
Si attraversano casini che sembra di essere sulla costa californiano e sembra incredibile vedere tutto questo lusso quando appena ieri abbiamo dormito nel nulla
Ville lussuosissime dai diversi stili,,,strade percorse dalle macchine più stravaganti ma questo non è il cile che mi piace
Arrivati a Concon fino a renaca che gia fa parte di Vina del Nar si ergono le altissime dune di sabbia dove si scorgono anche percorsi da enduro frequentati dai mezzi off di tutti i tipi
Anche questo delle dune di sabbia di Concon è un fenomeno veramente strano…..sembra di essere proiettati nuovamente ad Antofagasta che dista da qui 1600 km…
Arriviamo di nuovo a Valparaiso ed il nostro tour motociclistico su ferma qui
Diciamo che questo mini tour improvvisato a seguito del mancato arrivo delle nostre moto mi ha fatto riscoprire con più calma il Cile
Certo è che con 10 giorni non si poteva fare di più per le lunghe distanze che ci sono in sudamerica e se uno investe molti soldi per il viaggio aereo deve stare almeno tre settimane da qui la necessita di dover spedire la propria moto
Il Cile è cambiato molto dalla prima volta che sono passato di qua….in più di dieci anni le strade sono migliorate nettamente ed ormai quello che prima era obbligatorio fare in off adesso te lo devi cercare
Quello che da molto fastidio è la vita carissima, per dormire si spende un minimo di 60-80 dollari per avere sistemazioni decenti, se si pensa che la notte che ci hanno affittato la tenda abbiamo pagato 40 dollari !!!!! il mangiare è ancora più caro, se vai ad un buon ristorante spendi tranquillamente 40-50 dollari la colazione con due caffellatte e due cornetti spendi 20 dollari, insomma e più caro dell europa ad oggi se non per la benzina che invece costa circa 1 euro
La moto ideale per fare un tour del genere è senzaltro un grosso bicilindrico perché hai tratte lunghe di asfalto e gli sterrati sono facili
Parlando della KLR devo dire che questi mono anni 90 non smettono mai di meravigliare
Io le considero le vere moto totali da viaggio tuttofare….certo sarebbero più godibili in Bolivia ed in Peru dove ce più off e dove le arterie principali sono ancora molto disconnesse, consumano poco…..nei tratti sterrati dove non superavo i 100 allora ho fatto 22 con un litro carichi come somari mentre in autostrada a 130 si e sui 15
Peccato che la moto aveva le sospensioni fuori uso :badmood: ed utizzandola in due col peso dei bagagli ogni volta che percorrevamo una sterrata mi facevo il nome del Padre

In totale sono stati percorsi circa 4000 km con un chilometraggio medio giornaliero di 400 km ottimo per una vacanza distensiva e questo potrebbe essere una idea di assaggio di sudamerica se non si hanno molti giorni a disposizione
Quindi accendete quelle c@zz0 di motorette e via... :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)):Immagine
Avatar utente
Gemica
Fondatore di Motoadv
Fondatore di Motoadv
 
Messaggi: 4135
Iscritto il: 31/10/2011, 14:24

CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gemica » 08/01/2019, 12:30

Gemica ha scritto:Non era mai successo in 10 anni che spedisco container e non solo a me ma anche ad operatori esperti come Mototouring o Sambor che nella stessa maledetta nave San Clemente hanno stivato almeno 3 container per portare le nostre amate moto in sudamerica ed invece per distinte cause la nave ha avuto un ritardo di 45 giorni per cui il viaggio programmato da mesi si va a far benedire :badmood: :badmood:
In questi casi non resta che salvare il salvabile…in fondo si è in un continente meraviglioso come il sudamerica…certo il pensiero di non poter fare il viaggio con la propria moto logora e fa arrabbiare ma si è pur in vacanza
Le alternative sono veramente poche :shock:
1) noleggiare una moto a dei costi improponibili, tanto per fare un esempio per una africa twin crf o un gs 800 ci vogliono 200 dollari al giorno ed una garanzia su carta di credito di 5000 dollari quindi si capisce che non è una alternativa valida perché per 25-30 giorni esce una cifra improponibile ed ecco il motivo perché si spedisce la moto in sudamerica….
2) noleggiare un 4x4 e fare più o meno lo stesso percorso che si aveva in mente, in questo caso il noleggio costa circa 100 dollari al giorno ma chiaramente va poi suddiviso per gli occupanti che possono essere fino a 5 da considerare pero che non poi entrare in Bolivia
3) prendere un volo ed andare a visitare i luoghi chiave visto chi i voli interni costano mediamente non più di 200 dollari a parte il discorso isola di pasqua che in alta stagione come ora ci vogliono non meno di 800 dollari
Tutti hanno optato per il secondo dei casi a parte 2 motociclisti del gruppo che saranno in sudamerica 3 mesi quindi loro ritireranno le moto anche se in ritardo

Personalmente avendo maturato tante amicizie dopo anni di Valparaiso il mio amico Alberto di origine italiane mi presterà la sua moto una KLR650 ed io oltre che ringraziarlo non posso che almeno sostituirne i pneumatici e fargli un cambio olio.

27 dicembre 2018
Alberto mi fa trovare la moto nel suo garage a Vina del Mar :;)): ed io dedico tutto il giorno per la sostituzione dei pneumatici, del cambio olio ed il giro di alcuni negozi specializzati per fare scorta di camere d aria e tutte le cose per improvvisare un viaggio comunque di almeno 4000 km
Quando ti manca di tutto capisci che le cose più banali comunque richiedono tempo per trovarle ed anche se siamo nella modernissima Cile non sempre è cosi scontato reperire ciò che ti occorre.
Altra cosa da fare obbligatoriamente a Valparaiso è il cambio valuta in quanto in città ci sono svariate case di cambio e nel resto del paese è più difficile tale operazione soprattutto nei centri minori e nelle banche stranamente non si effettua il cambio valuta se non si è cliente, è pur vero che ormai il pagamento con le carte di credito in Cile è estremamente diffuso ma è sempre buona norma portare del contante nella valuta locale.
28 Dicembre 2018
partenza da Valparaiso dopo aver caricato alla meglio i nostri bagagli direzione nord
Con i giorni che abbiamo a disposizione visto il mio anticipato rientro opto per fare il nord del cile che anche se lo conosco benissimo offre sempre scenari suggestivi inoltre al sud per arrivare nella parte interessante bisogna andare almeno a Puerto Mont e traghettare per Chaitén ma sono troppo pochi giorni per troppi chilometr
Altro aspetto che mi fa preferire il nord è il clima….amo il caldo e verso sud le probabilità di trovare giornate uggiose anzi temporalesche è sicuramente superiore al nord e lo conferma che in 10 giorni non ho mai indossato l’antipioggia. :) :)
La mattinata è comunque andata persa avendo dovuto curare alcuni documenti notarili per il ritardo del container quindi mi immetto sulla ruta 5 norte e dopo circa 450 km mi fermo per notte a La Serena
Sosta doverosa per degustare i dolci classici della Liga chiamati così per l anonima città di provenienza
La scelta di questa città molto carina in riva al mare è dovuta al fatto che ci sono molti concessionari di moto dove poter trovare le leve smontagomme che non sono riuscito a trovare in Valparaiso
Non posso nei giorni a seguire quando sarò nel nulla avventurarmi senza le leve smontagomme
Inizio dal negozio KTM che in questa città è veramente enorme ma sono chiusi per inventario…cavoli siamo al 28 mica al 31
Anche qui la ricerca risulta essere vana se non in ultimo negozio dove ormai avevo perso la fiducia nel trovarle un gentile signore mi dice che lui ha una officina di moto e che a La Serena è impossibile adesso trovare qualsiasi pezzo di ricambio perché si è da poco ultimata la sei giorni ed i team hanno fatto man bassa di ogni cosa.
Mi invita alla sua officina e mi dice che se voglio mi può vendere due leve delle sue al prezzo di 5000 pesos cadauno…l equivalente di 7 euro e non posso che ringraziarlo
Mentre ero nel suo negozio ecco arrivare il presidente del moto club viaggiatori in moto di Coimbo di nome Italo e di chiare origini italiane che mi vita a bere una birra prima di rimettermi in viaggio
L accoglienza dei moteros sudamericani è sempre straordinaria e quando poi scoprono che hanno davanti un Italiano si fanno in mille per ascoltarti ed aiutarti
Parto quindi che è gia il primo pomeriggio e la mia prossima tappa non può essere che Copiapo
Questa prima parte del viaggio è abbastanza noiosa primo perché sono strade che ho percorso almeno 10 volte meglio ultimi 10 anni poi perché parliamo di autostrada anche se divide il già deserto della regione di atacama
Arrivati a copiapo mi fermo nella solita mia catena di Hotel preferita in cile che è la Diego de Almagro
I chilometri percorsi oggi sono sempre poco più di 400 ma il vento forte e alternarsi di zone con curve rallentano molto la velocità di crociera
Devo dire che la città l ho ritrovata molto più sporca e soprattutto con un ambiente non più estremamente tranquillo come in passato e il cameriere dell ottimo ristorante dove abbiamo degustato una parrillada notevole dice che ciò è dovuto alla ormai incontrollata immigrazione di boliviani e soprattutto colombiani che hanno portato spaccio di droga e malavita in genere……ogni mondo è paese,,,, :facepalm:
29 Dicembre 2018
Ripartiamo non prestissimo la mattina e questo è male perché adesso inizia la caluria del deserto di atacama con direzione Antofagasta
La strada per la prima parte noiosa poi vira verso la costa quindi il paesaggio cambia notevolmente
Si attraversa lo zoo di pietra, uno spettacolo che madre natura ci ha lasciato con delle enormi pietre che con la dovuta immaginazione molte di loro assomigliano ad animali come l elefante il leone ecc….
Quindi arrivati a Canaral decido di lasciare la 5 e proseguire verso nord per il fantastico sito balneare Pan de Azucr anche perché questa strada è sterrata per almeno 80 km, ci fermiamo quindi nel centro del parco che gode di una posizione privilegiata sulla oceano pacifico
Ripartendo riprendiamo la 5 ed al primo ed unico distributore di benzina della zona l addetto alla pompa (il caso di dirlo) mi dice che ha terminato la benzina
Non resta che tornare indietro alla più vicina città di TALTAL che dista 80 km in quanto per proseguire verso Antofagasta mancano ancora 240 km e non ho autonomia sufficiente.
Dopo vari smadonnamenti mi fermo nella vicina locanda per un the e per rivedere il mio adesivo che avevo attaccato lo scorso anno….domando al gestore se ha un po di benzina da vendermi ma nulla e nel mentre un autotrasportatore che era fermo per pranzo mi dice che è il mio giorno fortunato in quanto lui ha una latta da 10 litri da vendermi perché li porta sempre con se per non so quale apparato ha sul camion…
Che dire….le brave personel e trovi ovunque come i figli di madri prostitute e dopo avergli pagato la benzina gli offro anche il pranzo anche se il tipo si è sentito a disagio ma per me ha fatto un gesto che mi ha risparmiato parte del viaggio in quanto aver dovuto tornare indietro mi sarebbe significato non poter poi arrivare ad antofagasta di giorno quindi ero costretto a fare notte a Taltal
Arriviamo quindi nella sempre spettacolare discesa che porta alla caotica città di Antofagasta un tempo Bolivia prima della guerra del pacifico
Troviamo alloggio nel nostro Diego de Almagro e quindi decidiamo di fermarci due notti per gustarci la città e trovare un buon ripiego per lo notte di capodanno
30 dicembre 2018
Dedichiamo la giornata un po allo shopping ed un po alla visita dei vicini paesini sul mare molto folcloristici ed accoglienti ed alla foto di rito alla mano nel deserto, :fififi: una attrazione turistica ma che per quanto mi riguarda è una cosa veramente di basso livello,,,,una grezza opera in calcestruzzo imitando una mano che esce dalle viscere della terra ….come direbbe il Rag. Fantozzi…una emerita stronzata…
31 dicembre 2018
Dopo aver fatto mille telefonate per il cenone di capodanno a cui abbiamo avuto sempre la risposta negativa decidiamo di andare direttamente in qualche locale per prenotare
Troviamo la disponibilità in un ristorante peruviano e la scelta è anche dovuta al fatto che il ristorante si trova in riva all oceano e so che tutte le città cilene dedicano spettacolari fuochi di artificio al nuovo anno
Devo dire che la delusione sia per la qualità del cibo e sia soprattutto dei fuochi di artificio è stata grande :facepalm: :facepalm:
Dopo aver visto negli anni scorsi i fuochi di Valparaiso che credo siano stati i più spettacolari della mia vita e dove di riversano centinaia di migliaia di persone da tutto il cile questi di Antofagasta sono stati veramente una delusione
01 gennaio 2019
Partiamo in direzione San Pedro di Atacama e dopo la foto di rito nel cartello che indica che stiamo attraversando il Tropico del Capricorno :bye: ci dirigiamo verso la poderosa città di calama dove ci fermiamo a fare benzina
La città famosa soprattutto per la più grande miniera di rame del mondo che ebbi modo di visitare anni or sono è anche conosciuta per la città delle 3P Polvo Perros Putas……Polvere Cani e Puttane,,,,,,essendo una città esclusivamente mineraria ed in mezzo al nulla i salari sono alti e una numerose colonia di venditrici d amore sollazzano i numerosi braccianti
Lasciamo Calama per percorrere i 100 km che dista san pedro di atacama e la strada è migliorata molto negli ultimi anni
Arrivati a San Pedro troviamo sistemazione in un piccolo hotel dal prezzo grande….il paesino snob ormai è diventato più caro di montecarlo ed onestamente questo approfittare del turista è molto fastidioso
Per dormire non si riesce a spendere meno di 100 dollari per sistemazioni che da noi sarebbero degli ostelli, la media per un buon hotel è di almeno 200 dollari e per il mangiare in un buon ristorante si spendono tranquillamente 50 dollari
Insomma il paesino è un incanto con le strade volutamente lasciate di terra e l aria da far west ma quello che da fastidio è quest aria snob che si è formata….questa presenza di quelli che potrebbero essere definiti figli dei fiori ma non sono altro che figli di papa (la mamma non la menziono perché capirete di che mamma si tratta) che fanno i poveri vivendo da ricchi (scusate questa mia esternazione…)
Comunque a San Pedro devi fare almeno 4 notti in un viaggio con tempo e le mie limitate a due sono dovute sia alla scarsità dei giorni a disposizione sia perché comunque tutte le attrazioni dai geyser alla valle della luna alla valle de la muerte ed alla visita del salar sono cose già viste
Iniziamo il nostro giro con a alla valle de la muerte
La strada sterrate entra in un canyon tortuoso e la presenza di un manto sottile consiglia una guida attenta onde evitare inutili cadute :mrgreen:
Oltretutto la moto ha le sospensioni finite e la gia poca attitudine furistradistica con queste sospensioni rende la moto inguidabile su terreni difficili
Dopo un lungo serpente di strada nel canyon raggiungiamo una immensa duna di sabbia dove ci sono molti ragazzi che praticano il surf su sabbia e vederli scendere avelocita molto elevata è veramente spettacolare
Usciamo dal parco chiaramente a pagamento…circa 6000 pesos a persona l equivalente di 10 euro e torniamo al nostro albergo per la sera
Qui saremo raggiunti dal gruppo di amici Italiani che hanno preso il 4x4 a noleggio e ci dicono che nell attraversare il passo Jama per lasciare l Argentina ed entrare in Cile si sono imbattuti in una tormenta di neve ed a 4500 metri di altitudine non è il massimo :badmood:
02 gennaio 2019
restando il giorno a san Pedro opto per andare verso il confine boliviano di paso Hito dove dopo pochi chilometri cè la fantastica laguna verde
Negli anni scorsi arrivati alla frontiera boliviana con una piccola mancia ti concedevano di entrare nella laguna per fare una foto e tornare senza fare tutta la procedura dell immigrazione, adesso questo non è più possibile in quanto sulla stessa ruta che conduce a paso Jama le autorità cilene hanno fatto un sito di frontiera dove prima le stesse operazioni di immigrazione e dogana venivano svolte direttamente a San Pedro
Probabilmente il folto traffico di stupefacenti proveniente dalla Bolivia ha fatto si che venisse creata questa frontiera
Non ci resta quindi che tornare indietro anche se gustiamo che in appena 35 km si passa da 2500 a 4600 metri e òa flora e la fauna cambiano totalmente aspetto passando dal secco ed arido salar al clima gelido con fauna e flora andina
Per la strada incrociamo vari tipi di vicuna ….una specie di lama e la vista sul salar da questa altitudine è veramente mozzafiato
Scesi nuovamente a San Pedro facciamo l errore di entrare nella estesa riserva della valle de la Luna per le 12 quando il calore è insopportabile pero abbiamo solo questo giorno a disposizione per San Pedro e dobbiamo approfittare di ogni secondo.
Alla prima nota per effettuare la visita nella grotta del sale il calore e la temperatura della sabbia fanno si che addirittura si scolla la suola dello stivale :shock:
Torno indietro per effettuare una riparazione di emergenza con il provvidenziale nastro americano e torniamo per entrare nella grotta
Dopo un primo tratto dove bisogna camminare in maniera obliqua entriamo direttamente nella grotta ma la poca batteria che abbiamo sui telefonini per la lampadina ci fanno desistere a meta percorso, ….avevo dimenticato che bisognava portarsi una torcia e quella che porto sempre dietro con me l avevo lasciata nella valigia in albergo
Torniamo ormai a sera in hotel stanchi ma soddisfatti per le cose viste quindi dopo una doccia rigeneratrice vi facciamo un giro a piedi per le caratteristiche viuzze sterrate e polverose
03 gennaio 2019
lasciamo san pedro e dopo aver fatto benzina nell unico distributore del paese decido di circumnavigare il salar da sud per tornare verso Baquedano quindi Antofagasta
I kilomentri senza nulla sono circa 320 quindi nel villaggio di peine che dista circa 80 km da San Pedro ci fermiamo per acquistare 5 litri di benzina in latta ma la paura di commettere qualche errore nella pista e viaggiare con la benzina giusta mi fa decidere nell acquistare una latta da 5 litri da portarsi come riserva.
La prima considerazione che si deve fare quando si viaggia in sudamenrica è avere una automi di almeno 400-500 chilometri anche se si percorrono strade o piste battute
Questo perché in primis può accadere come è accaduto anche in questo viaggio che arrivi ad un distributore dopo 200 km e ti dicono che non cè benzina e poi se sbagli una pista e percorri 30-40 chilometri che per tornare si raddoppiamo ti sei giocato tutta l autonomia
Se la moto non dispone di un serbatoio adeguato bisogna provvedere con una provvidenziale latta di scorta di almeno 10 litri
Lasciato Peine, incredibile villaggio di qualche centinaio di abitanti che comunque ha i suoi negoziati dove acquistare del cibo e cose varie entriamo nel cuore del salar
Il salar di Atacama è uno dei maggiori del sudamerica, certo non ha l estensione di uyuni ma comunque ha una lunghezza di circa 200 per 150 km di larghezza di sale e litio……il paesaggio è veramente lunare e fermarsi nel mezzo del salar crea inquietudine di fronte a tanta natura cosi aspra ed il rumore del sale che si spacca rilasciando lumidita della notte assomiglia a quello del popcorn…..
Ci fermiamo poi in prossimità di una miniera di sale e litio….il metodo per l estrazione è molto semplice…si creano dei fori nel sottosuolo dove si trova acqua chiaramente ad altissima concentrazione salina poi con degli enormi tubi e delle pompe l acqua viene fatta depositare in immense vasche a cielo aperto quindi una volta evaporata ed a queste temperature evapora in fretta, viene raccolto il prezioso minerale
Certo il Cile deve molto alla natura inc tanto è uno dei paesi più ricchi al mondo di minerali e quasi tutti molto pregiati
Finalmente dopo aver percorso altri 250 km nel nulla lasciato Peine e dove abbiamo incrociato solo camion che trasportano i preziosi minerali al porto di Mequillones sulla strada non di asfalto ma di sale, raggiungiamo Baquedano sulla transitata ruta 5 e da li altri 70 km e siamo di nuovo ad Antofagasta
Degne di nota sono queste strade sterrate e òp sfruttamento del sale è molto intelligente
Praticamente si sparge la carreggiata di uno strato di almeno 10 km di sale quindi passano con la macchina livellatrice ed il rullo, con l erudita della notte il sale assorbe acqua che per tutto il girono riesce ancora a trattenere ed il passaggio dei mezzi compattano ancora di più il manto quasi da renderlo come se fosse asfalto
Certo immagino che i veicoli devono essere costantemente gravitati se non si vuole correre il rischio di formare un ammasso di ruggine ma la soluzione è geniale ed economica
Sicuramente in caso di pioggia il manto stradale deve essere come un sapone ma Atacama è il deserto più arido al mondo e le piogge arrivano in media una volta ogni OTTO anni…si avete letto bene…..una volta ogni OTTO anni
04 gennaio 2018
Lasciamo di buon mattino Antofagasta ma per scendere di nuovo verso sud decido di fare un percorso assolutamente alternativo ed andare ad innestarsi con la ruta 1 che costeggia l oceano
Detta cosi, la ruta 1 sembrerebbe la nostra principale arteria come l aurelia ma cosi non è :shock:
La ruta 1 inizia nella dimenticata calata de los cobre che si raggiunge dopo aver lasciato la 5 in prossimità della mano nel deserto scendendo per la 45…..parliamo di una strada tutta sterrata per 250 sempre nel mezzo del nulla
Anche in questo caso decido di portarmi i provvidenziali 5 litri di benzina di scorta anche perché non ho il gps e le sterrate sono in molti bivi privi di segnaletica
La sterrata che scende verso l oceano alla calata de los cobre è molto bella ma anche molto pericolosa perché in molti tratti il ciglio strada termina in strapiombi inquietanti e dopo aver percorso 54 km in queste condizioni ecco da lontano scorgere la mitica ruta 1
Abbiamo ancora 190 km di nulla prima di raggiungere il viaggio di poche decine di abitanti che si chiama Paposo e da dove inizierà di nuovo l asfalto
Quasi 200 km di pura goduria dove incontriamo una sola macchina che chiaramente ci ferma per domandarci se abbiamo bisogno di aiuto
L oceano visto da questi saliscendi è immensamente affascinante, la forza delle onde che si infrangono sulle enormi rocce neve con le vette sbiancate dal letame degli uccelli migratori di ogni genere….cormorani…pellicani…gabbiani…
Ci fermiamo per almeno tre volte per immortalare questo spettacolo della natura ed una volta raggiunto Paposo ci spiace quasi di dover lasciare questo paradiso
A paposo ci sentiamo un po a casa nel vedere una indicazione stradale che segnala una centrale dell ENEL e dopo 50 chilometri e raggiungiamo la turistica cittadina balneare di TalTal dove effettuiamo il solito rifornimento fine serbatoio
Qui decidiamo di fare la strada secondaria che passa per baia Finchuio per riconnettersi alla ruta 5 e devo dire che è stata una saggia scelta in quanto anche questa destra baia ha il suo notevole fascino
Ripresa la ruta 5 scendendo verso sud rimbocchiamo la sterrata che avevamo fatta all andata per la baia del pan de azucar ma questa volta lo facciamo per fermarsi a dormire nella splendida semideserta località
Ci aspetta infatti una tenda da camping a noleggio completa di tutta l attrezzatura necessaria come sacco a pelo e materassino che ci vengono forniti nuovi
Dopo aver degustato un ottima cena nellunico piccolo ristorante sul mare che si trova a circa 600 metri torniamo al camping ma prima di dormire ci gustiamo in riva al mare con l assenza totale di ogni forma di luce del meraviglioso cielo stellato
E’ il caso di dire che la visione è celestiale…….la via lattea che si riconosce benissimo e lo splendore delle stelle che quasi accecano di tanto brillare e poi sullo sfondo il rumore del frangersi delle onde sulle rocce rende lo spettacolo ancora più magico.
Andiamo a dormire e l escursione termica del giorno torrido del deserto con la quasi gelida notte raccomanda di far buon uso dei provvidenziali sacchi a pelo
05 gennaio 2018
ci si sveglia all alba con il chiarore che entra nella tenda e ritorniamo al piccolo villaggio di pescatori per andare all appuntamento con il pescare che la sera prima abbiamo preso accordi per farci visitare l isolotto antistante per ammirare gli inconsueti pinguini a questa latitudine
Il fenomeno è molto strano e trova la sua giustificazione per la gelida corrente oceanica di Jhumbol che lambisce l isolotto ed arriva con le sue gelide acque fino al sud
del peru partendo dall Antartide
L aqua sull’isolotto non sale mai a più di 5 gradi mentre sulla riva del pan di azucar arriva almeno a 12 di qui la ragione che i pinguini non raggiungono mai la terraferma
Arrivati in prossimità dell isolotto si scorge da lontano la violenza delle onde che si infrangono al di la e questo fa rende piccolo difronte a tanta potenza ed ecco finalmente i primi esemplari di pinguini…..meravigliosa natura
Certo non sono i pinguini Imperador dell antardide che raggiungono il metro di altezza ma sono sempre affascinanti e simpatici e vederli saltellare tra le rocce fa sorridere
Molti studi sono stati effettuati su questi animali che raggiungono al massimo 60 cm possono scendere al massimo a 60 metri sottacque per procurarsi cibo e possono stare in apnea per un tempo massimo di 3 minuti e mezzo inoltre per concludere sono monogami,,,,,,quindi una razza a me sconosciuta
Dopo la bellissima visone dei pinguini scorgiamo anche sul lembo estremo est dell’isola una numerosa comunità di lupi marini ,,,,,meravigliosi anche questi e tutte le pur affascinanti colonie di cormorani e volatili vari passano in second’ordine di fronte ai pinguini ed ai lupi marini
La cosa che rende ancora più surreale la situazione è pensare che dalla parte continentale c’è il più arido deserto della terra ed a poche centinaia di metri vive una comunità di pinguini…..incredibile davvero
Ritorniamo a riva e dopo aver salutato il pescatore Miguel che ci ha fatto fare questa splendida visita troviamo altri pescatori che tornando a riva con il loro carico di pesci attendono un furgone frigo per la vendita
Insomma fermarsi in questo angolo di paradiso è stato davvero molto bello ed unico e dopo una abbondante colazione torniamo ancora per strada visto che abbiamo da percorrere altri 450 km per portarci nuovamente a La Serena dove trascorreremo la notte
Ormai il mini tour per il nord del cile sta volgendo al termine….riprendiamo la noiosa ruta 5 verso SUR rf in serata raggiungiamo la nota cittadina famosa per la sua innumerevole presenza di Chiese Cristiane.
La sera ceniamo in un bel ristorante sulla costa e devo dire che abbiamo mangiato dell ottimo pesce ad iniziare dal famoso ceviche che si trova praticamente in tutta la parte pacifica del sudamerica
Anche il conto è stato all altezza del cibo con i suoi 50 dollari a testa
06 gemmato 2018
Ricaricata la moto di buon mattino entra la tristezza nel sapere che a sera dobbiamo lasciare la moto ad Alberto perché all indomani abbiamo il volo di ritorno
Invece di percorrere la noiosa ruta 5 fino a Los Vilos decido di passare per la cittadina di Ollague famosa per le sue coltivazioni di frutta e verdura in quanto incastonata su una valle fertilissima e dallato si nota il contrasto tra la desertica regione confinante con il verde delle piantagioni
Arriviamo quindi a Los Vilos dopo circa 200 km e facendo nuovamente benzina decido nuovamente di lasciare la ruta 5 per percorrere la panoramica anche se molto lenta e transitata nazionale costiera
Si attraversano casini che sembra di essere sulla costa californiano e sembra incredibile vedere tutto questo lusso quando appena ieri abbiamo dormito nel nulla
Ville lussuosissime dai diversi stili,,,strade percorse dalle macchine più stravaganti ma questo non è il cile che mi piace
Arrivati a Concon fino a renaca che gia fa parte di Vina del Nar si ergono le altissime dune di sabbia dove si scorgono anche percorsi da enduro frequentati dai mezzi off di tutti i tipi
Anche questo delle dune di sabbia di Concon è un fenomeno veramente strano…..sembra di essere proiettati nuovamente ad Antofagasta che dista da qui 1600 km…
Arriviamo di nuovo a Valparaiso ed il nostro tour motociclistico su ferma qui
Diciamo che questo mini tour improvvisato a seguito del mancato arrivo delle nostre moto mi ha fatto riscoprire con più calma il Cile
Certo è che con 10 giorni non si poteva fare di più per le lunghe distanze che ci sono in sudamerica e se uno investe molti soldi per il viaggio aereo deve stare almeno tre settimane da qui la necessita di dover spedire la propria moto
Il Cile è cambiato molto dalla prima volta che sono passato di qua….in più di dieci anni le strade sono migliorate nettamente ed ormai quello che prima era obbligatorio fare in off adesso te lo devi cercare
Quello che da molto fastidio è la vita carissima, per dormire si spende un minimo di 60-80 dollari per avere sistemazioni decenti, se si pensa che la notte che ci hanno affittato la tenda abbiamo pagato 40 dollari !!!!! il mangiare è ancora più caro, se vai ad un buon ristorante spendi tranquillamente 40-50 dollari la colazione con due caffellatte e due cornetti spendi 20 dollari, insomma e più caro dell europa ad oggi se non per la benzina che invece costa circa 1 euro
La moto ideale per fare un tour del genere è senzaltro un grosso bicilindrico perché hai tratte lunghe di asfalto e gli sterrati sono facili
Parlando della KLR devo dire che questi mono anni 90 non smettono mai di meravigliare
Io le considero le vere moto totali da viaggio tuttofare….certo sarebbero più godibili in Bolivia ed in Peru dove ce più off e dove le arterie principali sono ancora molto disconnesse, consumano poco…..nei tratti sterrati dove non superavo i 100 allora ho fatto 22 con un litro carichi come somari mentre in autostrada a 130 si e sui 15
Peccato che la moto aveva le sospensioni fuori uso :badmood: ed utizzandola in due col peso dei bagagli ogni volta che percorrevamo una sterrata mi facevo il nome del Padre

In totale sono stati percorsi circa 4000 km con un chilometraggio medio giornaliero di 400 km ottimo per una vacanza distensiva e questo potrebbe essere una idea di assaggio di sudamerica se non si hanno molti giorni a disposizione
Quindi accendete quelle c@zz0 di motorette e via... :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)): :;)):Immagine


ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine



Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Gemica
Fondatore di Motoadv
Fondatore di Motoadv
 
Messaggi: 4135
Iscritto il: 31/10/2011, 14:24

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda umbePD » 08/01/2019, 12:51

Grande Ermanno!!!!! :claps: :claps: :claps: :claps: :claps: :claps: :claps: :claps: :claps:

Mi leggerò bene tutto il racconto stasera, ma mi hai già rallegrato la giornata :welcome: ...purtroppo in ufficio... :facepalm:

Complimenti,
Umberto
Benelli Cross 125 - Aprilia RX 250 - Aprilia Pegaso Cube - KTM 950 ADV My2005 - KTM 990 ADV My2008 - KTM 690 Enduro R My2014
MOTOADV RAID 2017
MOTOADV RAID 2018
CIVITA RODEO 2018
Avatar utente
umbePD
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 563
Iscritto il: 23/05/2016, 17:35
Località: TEOLO (PD)

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Seven » 08/01/2019, 13:24

Già mi devo prendere una settimana di ferie per leggere tutto..poi belin se ti quoti da solo devo prendere un mese di mutua per scorrere tutto fino all'intervento successivo :lol: ...

:onore:
Ktm 990 ADV S
Yamaha XTZ 750 Rd89
Yamaha WR 450 Rd07 miglior annata di sempre

DESIERTO DE ALMERIA 2016
1000 ARGINI 2016-18-19
ALPI TOUR 2014-15-16-19 in car
CIVITA RODEO 2014
BALCANI RAID 2014
MOTOADV RAID 2014-15-16in car-2017
TUNISIA 2014-15
NONNA RAID 2013
ONE for ALL & ALL for ONE - 2013-15-17
Avatar utente
Seven
Il Padrino
Il Padrino
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 10/10/2012, 19:19
Località: Pavia ma siculo sono

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Frikke » 08/01/2019, 14:58

Bello come ogni tuo viaggio, grazie per averlo condiviso :claps: :claps:
Curate voi stessi.........e soprattutto gli altri

NONNA RAID KTM wild group 2011
NONNA RAID 2013 Brunello Drunk Company CHIACCHIERATO.....
1 X TUTTI/TUTTI X 1 2013/2015/2017
1000 ARGINI First Edition 2016 ...è Frokkie
ALPI TOUR 2016 (solo il venerdì) 2017
MOTOADV 2017 (spalluccia)
1XTUTTI WILD 2018
CIVITARODEO 2018
Avatar utente
Frikke
... e FROKKIE
... e FROKKIE
 
Messaggi: 7599
Iscritto il: 17/11/2011, 21:24
Località: Torino e dintorni.........................del mondo!!!!

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda slash73 » 08/01/2019, 17:39

:claps: :claps: :claps: :claps: :onore: :onore: :onore:

P.S:sbaglio o avevi scritto che la nave stava per arrivare a destinazione in un altro post?? :boh:
KTM 1190 S 2013
ex KTM 990 ADV-2007
ex KTM 690 ENDURO R 2011(adesso nelle sapienti mani di Motardpiero)

MOTOADV RAID 2014-2015
CIVTA RODEO 2014
ALPI TOUR 2014-2016-2019
1 X TUTTI/TUTTI X 1-2015
Avatar utente
slash73
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 6633
Iscritto il: 03/03/2012, 12:33
Località: Albaretto della Torre(langhe)-Alba

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda trialman62 » 08/01/2019, 18:02

:onore: :onore: :claps: :claps: :claps: :claps: Grande Ermanno niente può fermarti....
Se ghè de nà ghè de nà...................ma se sei incerto tieni aperto...!!!
Avatar utente
trialman62
Meno di 1500
Meno di 1500
 
Messaggi: 817
Iscritto il: 07/09/2013, 16:11

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Salzig » 08/01/2019, 22:09

Letto tutto d'un fiato. Grande Ermanno :onore:
Wave75: "molla i freni!"
Salzig.. : "NO!"

.Scaricalasino 2016 edition 0
.1000 Argini Legend 2018
.Civita Rodeo 2018
Avatar utente
Salzig
Meno di 800
Meno di 800
 
Messaggi: 690
Iscritto il: 19/03/2012, 14:10
Località: La città delle 3T

CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda fil52 » 09/01/2019, 4:43

Mi spiace ma vedo che te la cavi egregiamente..

www.fil52motoviaggi.altervista.org
Avatar utente
fil52
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 2989
Iscritto il: 17/03/2012, 18:42
Località: Torino

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda turbo » 09/01/2019, 11:41

che spettacolo!

spiace non avere la moto propria, ma vedo che ti sei arrangiato lo stesso. alla fine l'importante è viaggiare, il mezzo è secondario.

grande ermanno!
'09 990 ADV

motoadvraid 2017
civitarodeo 2017
Avatar utente
turbo
Meno di 400
Meno di 400
 
Messaggi: 225
Iscritto il: 03/03/2017, 18:51

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda barba » 09/01/2019, 16:47

grande Ermanno! sempre bello leggere le tue avventure :claps:
Avatar utente
barba
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 1007
Iscritto il: 07/02/2013, 10:30
Località: Fano (PU)

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gemica » 09/01/2019, 22:42

Seven ha scritto:Già mi devo prendere una settimana di ferie per leggere tutto..poi belin se ti quoti da solo devo prendere un mese di mutua per scorrere tutto fino all'intervento successivo :lol: ...

:onore:


PIRLA era per aggiungere le foto :mrgreen:
Avatar utente
Gemica
Fondatore di Motoadv
Fondatore di Motoadv
 
Messaggi: 4135
Iscritto il: 31/10/2011, 14:24

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda CuP69 » 10/01/2019, 13:09

Bravo ottimo report grazie
:onore:
NONNA RAID 2013 (the last one) Brunello Drunk Company
Motoadventure Raid 2015-2017-2018

Tunisia 2015-2018-2019
CivitaRodeo 2017-2018
AlpiTour 2019
CuP69
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 1658
Iscritto il: 06/02/2012, 10:23
Località: Maremonti

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Max » 11/01/2019, 21:52

Ah ecco...................ora capisco l' assenza della mitica AT ! :facepalm:

Cavolo......mi spiace ............. :cmb1:

Ora pero' chi te la sdogana ? :shock:
CHI VUOLE DAVVERO QUALCOSA TROVA UNA STRADA, GLI ALTRI UNA SCUSA.


Che piccola cosa una vita!
La mia,
come tutte,
è una goccia.
Voglio si perda in un mare d'amore:
è l'unica via;
altrimenti è una goccia sprecata:
troppo piccola
per essere felice da sola,
troppo grande
per accontentarsi del nulla.
Avatar utente
Max
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 2019
Iscritto il: 31/10/2011, 12:42
Località: Sannita sum.

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gemica » 11/01/2019, 22:52

Ci pensa il mio corrispondente a Valparaiso
Avatar utente
Gemica
Fondatore di Motoadv
Fondatore di Motoadv
 
Messaggi: 4135
Iscritto il: 31/10/2011, 14:24

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gattun » 11/01/2019, 22:59

:onore: :onore: :onore:
MOTOADV RAID 2018
MOTOADV RAID 2017
MOTOADV RAID 2015
MOTOADV RAID 2014 (A 2 e 4 ruote)
NONNA RAID 2013 Brunello Drunk Company
Missing in action (but recovered)
Avatar utente
Gattun
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 1814
Iscritto il: 13/02/2013, 20:58
Località: Genova

CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda waveman » 13/01/2019, 14:06

Grande Ermanno!!!!!!!!!!!!!!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
ALPITOUR 2014 (50 KM)
CIVITA RODEO 2014
MOTOADV RAID 2014
MILLE ARGINI 2013
waveman
Utente Leader
Utente Leader
 
Messaggi: 1667
Iscritto il: 09/01/2012, 9:21

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda aldo1 » 13/01/2019, 22:19

Praticamente è come se avessi fatto il viaggio anch'io tanto è perfetto il report. :onore:
Grande Ermanno :ok:
Honda Africa Twin Rd07A -Honda Cre f300 X - Vespa Primavera ET3 82


1000 ARGINI 2016-18-19
Avatar utente
aldo1
Meno di 800
Meno di 800
 
Messaggi: 495
Iscritto il: 30/09/2013, 21:33
Località: Tra le montagne del Pavese

CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda fAb!0 » 14/01/2019, 9:35

Questo racconto è la dimostrazione che seminare del bene paga. Il tuo essere di buon cuore (seppur nero) ti ha premiato
Il bere trionferà sempre sul male.
Avatar utente
fAb!0
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 4775
Iscritto il: 20/02/2014, 15:31

Re: CILE 2019.....ARRANGIARE UN VIAGGIO

Messaggioda Gemica » 14/01/2019, 23:14

Mi commuovi Fabio :;)):
Avatar utente
Gemica
Fondatore di Motoadv
Fondatore di Motoadv
 
Messaggi: 4135
Iscritto il: 31/10/2011, 14:24


Torna a In giro per il mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron